ll Santuario segreto di Papa Giovanni Paolo II
12/05/2017
ll Santuario segreto di Papa Giovanni Paolo II


"Sono venuto a cantare il Magnificat".La prima uscita da Roma di Giovanni Paolo II è stata un pellegrinaggio. Il Papa si è recato proprio al Santuario della Mentorella, dove già altre volte, affascinato dalla bellezza del luogo, era salito a piedi per raccogliersi in preghiera."In occasione dei miei soggiorni a Roma, ho spesso visitato il Santuario della Madonna della Mentorella... Leggiamo nel Vangelo di S. Luca che Maria, dopo l'annunciazione si reco tra le montagne per visitare la sua parente Elisabetta. Arrivata ad Ain-Karin, mise tutta la sua anima nelle parole del cantico, che la Chiesa ricorda ogni giorno nei Vespri: "L'anima mia magnificat il Signore". Ho desiderato di venire qui, tra queste montagne per cantare dietro le orme di Maria il "Magnificat...". Questo luogo mi ha aiutato molto a pregare. È perciò anche oggi ho desiderato venire qui. La preghiera, che in vari modi esprime il rapporto dell'uomo col Dio vivo, è anche il primo compito e quasi il primo annuncio del Papa ".Per salutare il Santo Padre alla Mentorella, 29 ottobre 1978 sono pervenute circa 20 mila persone dove la maggioranza erano la gioventù e scout.

Anche oggi il  Santuario per essere sempre una attiva antenna trasmittente della Buona Novella di salvezza presta la possibilità di avere ai fedeli, pellegrini e turisti le sale e le camere per i ritiri spirituali e riposo fisico. Dopo la visita del Papa al Santuario della Mentorella si è intensificato il movimento dei pellegrini che venivano e vengono qua da tutto il mondo "dietro le orme di Maria per cantare il "Magnificat". Diversi gruppi vengono per passare la giornata in preghiera e meditazione approfittando dell'aria buona e del silenzio che aiuta a stare tra le braccia della Madre e ricaricarsi per affrontare la vita, tornando a casa pieni di pace e della Grazia di Dio. Sono stati realizzati diversi restauri della chiesa e della struttura del convento con i servizi nuovi per meglio servire i pellegrini.Il Santuario è stato Durante il Grande Giubileo del 2000 la mèta dei diversi pellegrinaggi giubilari delle parrocchie, vari gruppi religiosi e laici, le associazioni di vario genere. Il tempo del Grande Giubileo è stato, come 100 anni fa, di aiuto nella preparazione del Centenario dell'Incoronazione della statua della Madonna delle Grazie della Mentorella.